Studio Notarile dott. Giulio Donegana
SUCCESSIONI

La dichiarazione di successione deve essere presentata entro un anno dalla data della morte.

DOCUMENTI DA PREDISPORRE

 

per il DEFUNTO e per gli EREDI

per gli IMMOBILI di proprietà del defunto

per i CONTI CORRENTI, LIBRETTI, TITOLI, POLIZZE ASSICURATIVE ... intestate al defunto

per le CASSETTE DI SICUREZZA di proprietà del defunto

per i CREDITI del defunto

per le AZIENDE INDIVIDUALI di proprietà del defunto

per le PARTECIPAZIONI DI SOCIETA' di proprietà del defunto

per le NAVI, IMBARCAZIONI, AEROMOBILI di proprietà del defunto

per le PASSIVITA' DEDUCIBILI dall'imposta di successione

Quando il defunto ha stipulato DONAZIONI a favore degli eredi

Quando il defunto ha lasciato TESTAMENTO

Quando il defunto ha lasciato eredi MINORI

Quando anche solo un erede abbia fatto o voglia fare la RINUNCIA ALL'EREDITA'

Imposte, Tasse e Tributi da pagare all'Ufficio delle Entrate per la denuncia di successione

ELENCO SINTETICO DOCUMENTI

 

per il DEFUNTO e per gli EREDI


Documenti relativi al defunto:

  • Documenti personali:
    • Carta d’Identità;
    • Codice Fiscale;
    • Certificato di morte (in carta libera);
  • Dichiarazione relativa allo stato civile del defunto;
  • Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà (da richiedere in Comune in carta libera) nella quale si dichiara:

    - che in data ......... è deceduto in ............ il signor .......... che era nato a ......... il giorno .......... che gli unici eredi per legge/testamento sono i signori:
    1) ......... ..... nato a ........ il giorno .......... residente a ........... (relazione di parentela);
    2) ......... ..... nato a ........ il giorno .......... residente a ........... (relazione di parentela)."

Documenti relativi agli eredi:

  • Documenti personali:
    • Carta d’Identità in corso di validità;
    • Codice Fiscale

 
Torna ad inizio pagina
 

per gli IMMOBILI di proprietà del defunto


Atto di provenienza:

    Se l'immobile è pervenuto per atto di compravendita, donazione, divisione o altro atto notarile, produrre:
  • Copia autentica dell'atto notarile;
    Se l'immobile è pervenuto per acquisto all'asta, produrre:
  • Copia autentica del decreto di trasferimento;
    se l'immobile è pervenuto per successione, produrre:
  • Copia della dichiarazione di successione

Le imposte di successioni si pagano solo nel caso in cui ci siano proprietà immobiliari sulle quali si pagano le imposte ipotecarie e catastali e per i quali si possono richiedere le agevolazioni della prima casa.

 
Torna ad inizio pagina
 

per i CONTI CORRENTI, LIBRETTI, TITOLI, POLIZZE ASSICURATIVE ... intestate al defunto


Per coloro che sono morti prima del 25 ottobre 2001 o dopo il 2 ottobre 2006 (escluso), i conti correnti, i libretti di risparmio, i titoli, le polizze assicurative ecc. devono essere inseriti nella dichiarazione di successione e quindi bisogna produrre:

  • Certificato, alla data della morte, rilasciato dall'istituto portante descrizione dei rapporti intrattenuti dal defunto con l'Istituto stesso.

Per svincolare le somme, alcune Banche e/o Assicurazioni richiedono la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, che può essere resa direttamente dall'erede; altre chiedono l'atto notorio reso da due testimoni dinanzi al Cancelliere della Pretura o dinanzi al notaio.

Informarsi preventivamente presso le Banche e/o Assicurazioni circa la documentazione richiesta.

Qualora sia richiesto l'atto notorio (e gli interessati non vogliano rivolgersi alla Pretura), portare:

  • Documenti di identità e codici fiscali di due persone che non siano parenti o affini del defunto o degli eredi ma che siano a conoscenza della situazione familiare in quanto i due testimoni devono prestare giuramento indicando chi sono gli eredi del defunto e se la successione è per legge o con testamento.

Per coloro che sono morti tra il 25 ottobre 2001 e il 2 ottobre 2006 (compreso), i conti correnti, i libretti di risparmio, i titoli, polizze assicurative ecc. non devono essere inseriti nella dichiarazione di successione.

Per svincolare le somme, alcune Banche e/o Assicurazioni richiedono l'autocertificazione da cui risulta chi sono gli eredi; altre la dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, che può essere resa direttamente dall'erede; altre chiedono l'atto notorio reso da due testimoni dinanzi al Cancelliere della Pretura o dinanzi al notaio.

Informarsi preventivamente presso le Banche e/o Assicurazioni circa la documentazione richiesta.

Qualora sia richiesto l'atto notorio (e gli interessati non vogliano rivolgersi alla Pretura), portare:

  • Documenti di identità e codici fiscali di due persone che non siano parenti o affini del defunto o degli eredi ma che siano a conoscenza della situazione familiare in quanto i due testimoni devono prestare giuramento indicando chi sono gli eredi del defunto e se la successione è per legge o con testamento.

 
Torna ad inizio pagina
 

per le CASSETTE DI SICUREZZA di proprietà del defunto


Se il defunto ha lasciato Cassette di Sicurezza, produrre

  • Estremi delle Banche dove sono situate le cassette di sicurezza;

Prima di presentare la dichiarazione di successione si deve procedere all'apertura delle cassette di sicurezza, allo scopo di fare l'inventario del contenuto ed inserirne il valore nella dichiarazione.

 
Torna ad inizio pagina
 

per i CREDITI del defunto


Se il defunto deve riscuotere dei crediti (rimborsi IRPEF, arretrati ecc.), produrre:

  • documento da cui risulta il credito e gli estremi del debitore (Ente che deve pagare ecc..).

 
Torna ad inizio pagina
 

per le AZIENDE INDIVIDUALI di proprietà del defunto


Se il defunto era titolare di un'azienda individuale, produrre:

  • Visura del Registro delle Imprese;
  • Valutazione complessiva (fatta dal commercialista) dell'azienda e quindi il valore da indicare in successione (non è più tassabile l'avviamento e quindi non va aggiunto).

Per coloro che sono morti tra il 25 ottobre 2001 e il 2 ottobre 2006 (compreso), le aziende non devono essere inserite nella dichiarazione di successione.

 
Torna ad inizio pagina
 

per le PARTECIPAZIONI DI SOCIETA' di proprietà del defunto


Se il defunto era titolare di quote di partecipazione in società in nome collettivo o in accomandita semplice, occorrono gli stessi documenti richiesti per le aziende individuali;

Se il defunto era titolare di partecipazioni in società a responsabilità limitata, produrre la seguente documentazione:

  • Visura del Registro delle Imprese;
  • Valutazione complessiva (fatta dal commercialista) del patrimonio sociale, e quindi il valore della quota da indicare in successione (non è più tassabile l'avviamento e quindi non va aggiunto);

Una volta presentata la dichiarazione di successione, gli eredi devono:

  • per le S.R.L. presentare all'Ufficio delle Imprese un apposito modello per comunicare il trasferimento delle partecipazioni dal defunto agli eredi;
  • per le S.N.C. e le S.A.S. devono regolarizzare la situazione dei soci con apposito atto notarile.

Per coloro che sono morti tra il 25 ottobre 2001 e il 2 ottobre 2006 (compreso), le aziende non devono essere inserite nella dichiarazione di successione.

 
Torna ad inizio pagina
 

per le NAVI, IMBARCAZIONI, AEROMOBILI di proprietà del defunto


Se il defunto ha lasciato navi, imbarcazioni e aeromobili, produrre:

  • Libretto di navigazione per le imbarcazioni;
  • Certificato dei Pubblici Registri recante l'indicazione degli elementi di individuazione di navi e aeromobili;
  • Prezzo mediamente praticato sul mercato per beni della stessa anzianità e conservazione.

Per coloro che sono morti dal 25 ottobre 2001 al 2 ottobre 2006 (compreso), le navi, le imbarcazioni e gli aeromobili non devono essere inserite nella dichiarazione di successione.

Gli autoveicoli e i motoveicoli, invece, non devono essere inseriti nella dichiarazione di successione, ma gli eredi devono provvedere a comunicare al P.R.A. e alla Motorizzazione Civile il cambio di intestazione a nome degli eredi. Per tali formalità ci si può rivolgere ad un'Agenzia Automobilistica.

 
Torna ad inizio pagina
 

per le PASSIVITA' DEDUCIBILI dall'imposta di successione


Gli eredi hanno diritto alla detrazione dall'imposta di successione di determinati debiti lasciati dal defunto.

Ciascun erede gode di un fascia di esenzione dall'imposta di successione, se il defunto lascia beni per un valore inferiore è inutile portare passività in detrazione.

Indichiamo a titolo esemplificativo le passività più ricorrenti:

  • Se vi sono debiti del defunto detraibili (mutui, cambiali ecc.) portare i documenti giustificativi (in originale);
  • Se sono state sostenute spese mediche e chirurgiche relative al defunto negli ultimi sei mesi di vita, comprese quelle per ricoveri, medicinali e protesi, portare le quietanze delle spese (in originale);
  • Per le spese funerarie portare le fatture di tali spese.

 
Torna ad inizio pagina
 

Quando il defunto ha stipulato DONAZIONI a favore degli eredi

Se il defunto ha stipulato donazioni a favore degli eredi, il valore di tali beni donati deve essere inserito nella dichiarazione di successione, vanno prodotte quindi le copie di tutti gli atti di donazione.

 
Torna ad inizio pagina
 

Quando il defunto ha lasciato TESTAMENTO


Se il defunto ha lasciato testamento, prima di presentare la dichiarazione di successione occorre procedere alla pubblicazione del testamento.

  • Se il defunto ha lasciato testamento pubblico (cioè redatto da un notaio) bisogna rivolgersi al notaio che l'ha ricevuto o all'archivio notarile, se il notaio non esercita più nel distretto;
  • Se il defunto ha lasciato testamento olografo (cioè scritto a mano dallo stesso) questo può essere pubblicato presso qualunque studio notarile.

Per la pubblicazione del testamento olografo occorre presentare:

  • Carta d'Identità (in corso di validità) e Codice Fiscale di chi richiede la pubblicazione (non necessariamente un erede);
  • Carta d'identità e Codice Fiscale del defunto;
  • Estratto dell'atto di morte (non è sufficiente il semplice certificato di morte);
  • Testamento in originale.

 
Torna ad inizio pagina
 

Quando il defunto ha lasciato eredi MINORI


Se il defunto ha lasciato eredi minorenni, oltre alla presentazione della dichiarazione di successione occorre procedere ad una serie di ulteriori formalità:

  • richiedere al Giudice Tutelare l'autorizzazione per accettare l'eredità con beneficio di inventario;
  • rendere la dichiarazione di accettazione beneficiata;
  • se necessario redigere l'inventario.

Al fine di poter portare a termine queste formalità si devono produrre:

  • Carta d'Identità e Codice Fiscale del defunto;
  • Certificato di morte;
  • Certificato di stato di famiglia;
  • Estratto dell'atto di nascita del minore.

 
Torna ad inizio pagina
 

Quando anche solo un erede abbia fatto o voglia fare la RINUNCIA ALL'EREDITA'


La rinuncia all'eredità va fatta entro tre mesi dalla morte (tale termine può essere prorogato solo nel caso in cui l'erede dimostri di non essere entrato in possesso dei beni ereditari).

  • Se qualche erede ha rinunciato all'eredità vanno prodotte le copie autentiche di tutti gli atti di rinuncia.

  • Se qualche erede vuole rinunciare all'eredità occorre predisporre la seguente documentazione:
    • Carta d'identità (in corso di validità) e Codice Fiscale di chi vuole rinunziare all'eredità;
    • Carta d'identità e Codice Fiscale del defunto;
    • Certificato di morte (in carta semplice).

 
Torna ad inizio pagina
 

Imposte, Tasse e Tributi da pagare all'Ufficio delle Entrate per la denuncia di successione


L'imposta di successione si calcola in base al rapporto di parentela e alle franchigie stabilite dalla legge.

Sul Valore Catastale di tutti gli immobili caduti in successione si paga l'imposta ipotecaria pari al 2% e l'imposta catastale pari al 1%.

Tali imposte sono applicate in misura fissa (complessivamente Euro 336,00 di cui Euro 168,00 per imposta ipotecaria e Euro 168,00 per imposta catastale) quando l'erede o, in caso di pluralità di eredi, almeno uno di essi, abbia i requisiti per richiedere le agevolazione della prima casa.
Quando si chiedono le agevolazione per la prima casa l'erede non può vendere prima dei cinque anni, altrimenti decade dal beneficio e deve corrispondere l'imposta risparmiata, una penale pari al 30% di tale imposta e gli interessi.

Sono inoltre dovute per tutte le successioni l'imposta di bollo, la tassa ipotecaria e i tributi speciali (da calcolarsi in base al numero di Conservatorie competenti, di volture da eseguire e di copie della dichiarazione da richiedere per le banche) il tutto da pagarsi mediante Mod. F23 che verrà predisposto dal nostro ufficio prima della presentazione all'Ufficio delle Entrate competente.

 
Torna ad inizio pagina
 

ELENCO SINTETICO DOCUMENTI

Dopo aver letto attentamente le indicazione sopra riportate è possibile stampare l'elenco sintetico dei documenti da presentare per la predisposizione della dichiarazione di successione.

 
Torna ad inizio pagina